Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Kik Messenger e altre 3 alternative a WhatsApp

Servizi di messaggistica istantanea alternativi al celebre WhatsApp
Servizi di messaggistica istantanea alternativi al celebre WhatsApp
Link copiato negli appunti

WhatsApp costituisce un vero e proprio punto di riferimento nell’ambito della messaggistica istantanea. Si tratta di un successo davvero travolgente, con oltre un miliardo di utenti sparsi in tutto il pianeta. Esistono comunque valide alternative, anche se al momento non raggiungono la sua popolarità. Vediamone alcune.

Kik Messenger può essere presa in considerazione per semplicità ed immediatezza d’uso. Come WhatsApp è multipiattaforma, in quanto installabile in smartphone e tablet Android, iOS e Windows 10 Mobile. Il suo utilizzo è pienamente gratuito e non è richiesto alcun numero di telefono per poter ricorrere ai suoi servizi di chat. Gli account sono infatti riferiti a nominativi e password scelti dagli utenti all’atto dell’iscrizione.

01-kik

Tale approccio se da un lato può migliorare la tutela della privacy, dall’altro può favorire la rintracciabilità degli utenti in caso di usi illegittimi.  Kik Messenger consente anche di conversare con un ampio insieme di bot, suddiviso in categorie per andare incontro a vari generi d’interesse. All’avvio dell’app vi è la possibilità di importare i contatti presenti in rubrica. Per iniziare una chat vi è comunque la funzione di ricerca per individuare con rapidità l’utente d’interesse. Prevista anche la funzione di scansione di un QR code specifico finalizzato all’inserimento immediato di nuovi utenti nella rubrica. La varietà di dati gestibili è ampia, fra i quali spiccano foto, filmati, GIF animati, audio, disegni ed adesivi.

Facebook Messenger è l’applicazione di messaggistica di riferimento del famoso social network. Anch’essa è installabile in device mobili operanti con iOS, Android e Windows 10 Mobile ed oltre alla funzionalità di chat lascia gestire in parte il proprio account Facebook. L’interfaccia utente si basa su un layout essenziale, al fine di favorire l’immediatezza d’uso da parte di chiunque.

02-messenger

La ricerca degli amici avviene per nome e non per numero telefonico e le chat avvengono sia singolarmente che in gruppo. Può essere utilizzata anche quale app per gli SMS, gestiti in modo separato dalle chat ordinarie. Facebook Messenger prevede anche le funzioni per telefonare in voce e video, con l’obiettivo di uniformare l’esperienza d’uso e di raggiungere rapidamente anche le persone non iscritte a Facebook.

Telegram è un altro servizio di messaggistica istantanea molto diffuso, disponibile per tablet e smartphone Windows 10 Mobile, iOS e Android. Anch’esso è installabile ed utilizzabile gratuitamente e spicca per la facilità d’uso. Gli iscritti al servizio hanno massima libertà d’azione nello scambio di messaggi di testo, video, foto, adesivi e file in genere, anche di grandi dimensioni. Da sottolineare inoltre la possibilità di stabilire collegamenti cifrati per incrementare il livello di sicurezza.

03-telegram

Telegram consente la creazione di gruppi e supergruppi in base al numero di partecipanti. Sono previsti anche i canali (pubblici o privati) mediante i quali inviare messaggi dedicati agli iscritti ed i bot con cui generare risposte automatiche in un tempo brevissimo. La registrazione di un account richiede l’inserimento di un numero di telefono, come per WhatsApp.

Signal viene tenuta in considerazione soprattutto da chi sia alla ricerca di riservatezza e sicurezza durante le conversazioni. Si tratta infatti di un servizio di messaggistica istantanea privo di costi mediante il quale è anche possibile effettuare chiamate vocali crittografate.

04-signal

Fornisce le caratteristiche tipiche di questo genere di software, incluso lo scambio di testi, immagini e filmati all’interno di gruppi. L’insieme di operazioni consentite è comunque più limitato rispetto a quello proposto dagli altri servizi più conosciuti, proprio per cercare di mettere in primo piano la tutela della privacy personale.

[Immagine in evidenza: Shutterstock]

Ti consigliamo anche