Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Recuva: come funziona il software per recuperare i file cancellati dal PC

Come utilizzare Recuva per recuperare i file e cartelle cancellati per errore
Come utilizzare Recuva per recuperare i file e cartelle cancellati per errore
Link copiato negli appunti

Molto spesso può capitare che per errore si cancellino file e cartelle dal computer. Si tratta di un bel problema soprattutto se questi dati sono importanti o se servono per lavoro. Disattenzione, stanchezza ed altri fattori possono portare a questi errori che sono sempre più frequenti. Fortunatamente, cancellare un file dal PC non significa davvero eliminarlo ma solo “renderlo invisibile”. Sino a che, infatti, non sarà sovrascritto potrà essere sempre recuperato. Per ripristinare file o cartelle cancellate per errore non servono particolari competenze o programmi sofisticati.

Per salvare molte ore del nostro lavoro andato perduto per errore basta Recuva, un ottimo programma distribuito gratuitamente che consente agli utenti di ripristinare i loro file andati cancellati.

Recuva, come funziona e come si utilizza

Recuperare file cancellati non è una scienza certa e la probabilità di poterlo fare aumenta se l’errore è stato commesso da poco tempo. Con il passare dei giorni, infatti, il rischio che i file vengano sovrascritti è sempre più alto. Il primo passo da fare è scaricare il programma che, come detto, è disponibile al download gratuito. In realtà esiste anche una versione “Professional” a pagamento che include altre funzionalità ma che è rivolta molto di più agli ambienti professionali. Per un uso normale è più che sufficiente la versione gratuita di base.

L’installazione è rapida e veloce. L’unica cosa da configurare sarà sostanzialmente la scelta della lingua italiana. Tutte le altre impostazioni possono essere lasciate di default. Molto interessante la possibilità di poter disporre di un wizard automatico che guiderà passo dopo passo gli utenti al recupero dei file cancellati per errore. Wizard che gli utenti che già conoscono questo programma potranno disattivare. In caso contrario, ad ogni avvio del programma questa sorta di tutor partirà in automatico.

[nggallery id=902]

Il wizard è, comunque, molto ben strutturato e consigliato sempre a tutti perché permette di scegliere in pochi passaggi che tipo di file cercare e la loro posizione. Terminata la scelta di queste opzioni, il programma andrà ad effettuare una scansione all’interno dei dischi fissi del PC per trovare tutti i file corrispondenti ai criteri di ricerca che possono essere recuperati.

Per ripristinare un file, gli utenti dovranno semplicemente selezionarlo e cliccare sul pulsante “Recupera”. In pochi istanti, il file tornerà ad essere accessibile dal PC. Gli utenti esperti possono effettuare le medesime operazioni anche senza il wizard automatico. Semplicemente, i criteri di ricerca dei file cancellati dovranno essere scelti manualmente all’interno dell’interfaccia del programma. Trattasi di un’incombenza, comunque, banale in quanto l’interfaccia del programma risulta molto chiara e semplice oltre che localizzata in lingua italiana.

Inoltre, non ci sono particolari opzioni avanzate che potrebbero mandare in confusione gli utenti. Recuva funziona benone su tutti i sistemi operativi di Microsoft, anche su Windows 10. Inoltre, per ogni file selezionato, il programma mostra se risulta recuperabile ed alcuni dati tra cui la sua data di creazione e la directory in cui era presente.

Si tratta dunque, di un programma facilissimo da utilizzare e che risolve i problemi di chi per sbaglio cancella dati importanti dal suo PC.

Ti consigliamo anche