Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Le 5 migliori App per monitorare gli eventi sismici

Le migliori applicazioni per tenere sotto controllo i terremoti in Italia e nel mondo
Le migliori applicazioni per tenere sotto controllo i terremoti in Italia e nel mondo
Link copiato negli appunti

Un’app può salvare la vita? Sicuramente no, ma può aiutare a tenere sotto controllo eventi potenzialmente molto pericolosi come i terremoti. Grazie al lavoro degli sviluppatori per dispositivi mobile, oggi è facile trovare, sia nell’App Store di Apple che nel Play Store di Google, molte applicazioni di qualità che consentono di tenere sotto controllo l’evolversi di un evento sismico oltre che, ovviamente, dare uno sguardo a tutti i più recenti terremoti.

Le App per controllare i terremoti

Per gli italiani, l’app più interessante è sicuramente INGVterremoti. Si tratta dell’app ufficiale dell’Istituto Nazionale di geofisica e Vulcanologia. Gli utenti potranno accedere ai tutti i dati dei più recenti terremoti che insistono sul territorio italiano oltre agli eventi più forti a livello mondiale. I parametri (tempo origine, coordinate epicentrali, profondità e magnitudo) delle localizzazioni dei terremoti sono disponibili grazie al Servizio di Sorveglianza Sismica dell'INGV, attivo 24h/24, 7 giorni su 7. L’App permette di visualizzare anche la sismicità italiana dal 2005 in poi, tramite la sezione Ricerca Terremoti.

01_terremoto

La sezione News permette di avere aggiornamenti e approfondimenti sulla sismicità in Italia ed essere informati tempestivamente dell’uscita di un nuovo articolo sul blog. Nella sezione Informazione sono disponibili articoli relativi ai terremoti in Italia, il monitoraggio sismico, la pericolosità sismica, il rischio sismico nelle regioni italiane. Sono presenti anche i post delle rubriche mensili del blog, le domande frequenti (FAQ) e il Glossario. Disponibile per iOS ed Android, l’app è gratuita.

Altra applicazione interessante, sempre gratuita ma solamente disponibile per iOS è Terremoto. Terremoto mostra i dati relativi agli eventi sismici più recenti pubblicati dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). La pubblicazione di questi dati avviene solitamente dopo un ritardo di ca. 20 minuti dall'evento sismico.

2_terremoto

Attraverso l’app gli utenti possono ricevere notifiche push che consentono di ricevere una notifica con i dettagli dell'evento appena quest'ultimo viene pubblicato. È possibile impostare una soglia minima di magnitudo sotto la quale gli eventi non vengono notificati e limitare l'invio solo ad eventi vicini ad una determinata località. Attraverso le notifiche l'applicazione può segnalare eventi anche quando inutilizzata, senza alcun impatto sul consumo di batteria.

Altra applicazione interessante è Terremoti Italia. L’app, gratuita e per Android, permette di rimanere sempre informati di tutti gli ultimi terremoti in Italia. Particolarità, l’app mette a disposizione anche le mappe delle faglie attive e una cartina della pericolosità sismica italiana

03_terremoto

Disponibile anche uno strumento che calcola la popolazione coinvolta nell’evento sismico e la distanza dal terremoto alla propria abitazione. Disponibili comode notifiche push che avvisano degli ultimi eventi più consistenti.

Terremoto!, invece, è una semplice ma chiara app per Android, sempre gratuita, che segnala tutti gli eventi sismici Italiani segnalati dal sito dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

04_terremoto

Disponibile un comodo widget che mette in evidenza tutti gli ultimi eventi sismici senza dover ogni volta aprire l’applicazione.

Infine, per chi vuole avere una visione più globale degli eventi sismici di tutto il mondo, potrà puntare sull’applicazione LastQuake. Gratuita e disponibile sia per iOS che per Android, l’applicazione permette di scoprire tutti gli eventi sismici su scala globale, anche in tempo reale attraverso notifiche.

05_terremoti

Per ogni evento è possibile scoprire dettagli ed ogni sorta di informazione tecnica. Tutte le informazioni possono essere condivise attraverso i social network. L’app è nella sola lingua inglese.

[Immagine in evidenza: Shutterstock]

Ti consigliamo anche