Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Google Earth: alcuni trucchi per utilizzare il software satellitare

Sviluppato da Google permette di visitare ogni località della Terra potendo contare su foto, punti d'interesse e molto altro ancora. Vediamo come funziona
Sviluppato da Google permette di visitare ogni località della Terra potendo contare su foto, punti d'interesse e molto altro ancora. Vediamo come funziona
Link copiato negli appunti

Google Earth non ha certo bisogno di particolare presentazioni e si tratta di un software sviluppato da Google che permette agli utenti di visitare ogni località della Terra potendo contare, inoltre, su foto, punti d’interesse e molto altro ancora. Presente, anche, Street Viewer che permette di percorrere virtualmente tutte le principali strade del mondo. Sebbene, oggi, gli utenti preferiscano utilizzare Google Maps che include molte delle funzionalità di Google Earth, questo software mantiene inalterato il suo fascino grazie ad alcune chicche davvero molto carine.

Google Earth, alcuni trucchi

Sviluppato da Big G dispone di alcune opzioni d’utilizzo davvero molto particolari, non sempre note, ma che permettono di garantire agli utenti un’esperienza d’uso complessivamente davvero eccellente. Per esempio, Google Earth permette a tutti quanti di sorvolare tutte le località del mondo a bordo di un aereo grazie ad un piccolo simulatore di volo contenuto nel programma.

Per accedere al simulatore di volo gli utenti dovranno recarsi nel menù "Strumenti" di Google Earth e li cliccare su "Accedi al simulatore di volo". Opzionalmente è possibile anche utilizzare la combinazione di tasti CTRL+ALT+A. Nella finestra che si aprirà gli utenti potranno decidere se utilizzare un F19 oppure di un SR22 e selezionare l'aeroporto di partenza. L’areo si controlla con i tasti della tastiera o con il joystick.

Google Earth porta, inoltre, i suoi utenti su Marte. Big G ha, infatti, permesso di esplorare non solo la superficie della Terra o della Luna ma anche quella del pianeta Marte. Grazie ai “Livelli”, l’esplorazione potrà essere effettuata nei minimi dettagli proprio come per quella della Terra. Per avviare l’esplorazione di Marte, gli utenti dovranno avviare Google Earth e cliccare sul pulsante con l'icona del pianeta in alto e selezionare la voce "Marte".

Google Earth è anche un’ottima macchina del tempo. Con il passare degli anni, infatti, le località cambiano e si evolvono. Tuttavia, per molti motivi, potrebbe essere interessante scoprire come un luogo sia mutato nel corso del tempo. Grazie al software di Google è dunque possibile scoprire come il tempo abbia mutato le città ed i luoghi. Dopo aver cercato la località d’interesse, gli utenti dovranno ingrandire la visualizzazione e premere il pulsante "Mostra immagini storiche". Trattasi di un pulsante a forma di orologio posto in alto nella barra dei pulsanti di Google Earth. A questo punto gli utenti non dovranno fare altro che scorrere la timeline e scoprire come la località si sia evoluta nel tempo. Per ogni luogo sono disponibili timeline differenti.

Infine, altra opzione di Google Earth davvero molto carina, quella che permette di esplorare gli oceani. Il software di Big G, infatti, non si limita a permettere di esplorare solo la superfice ma anche sotto il livello del mare. Del resto, la Terra è composta in gran parte da acqua e molte meraviglie della natura si trovano decine di metri sotto il pelo dell’acqua. Gli utenti dovranno, quindi, solamente utilizzare la funzione “Ocean”.

Nel pannello di sinistra, nella sezione "Livelli", gli utenti dovranno mettete un segno di spunta sulla voce "Ocean" in modo da attivare questa particolare possibilità. A questo punto, sarà possibile navigare sulla mappa, ed effettuare uno zoom per visitare anche le aree oceaniche che interessano. Non manca la possibilità di poter cliccare, contestualmente, anche su uno dei simboli presenti per accedere ai contenuti extra come per esempio le più famose imbarcazioni affondate in un particolare zona del mare.

Ti consigliamo anche